Showcase della scena Jazz puglieseFavoriteLoadingAggiungi

Showcase

Palace Café, 9 giugno / 18:30 – 22:45 

 

Precious di Fabio Accardi

Fabio Accardi è uno dei batteristi più sorprendenti sulla scena del jazz Italiano per la sua grande sensibilità artistica ma soprattutto un compositore. “Precious” è il suo nuovo concept album nato dalla preoccupazione per l’ambiente e dall’amore per la natura. Pubblicato da Mordente Records nel dicembre 2016, è stato realizzato grazie a Gaetano Partipilo (sax-flauto), Claudio Filippini (piano-wurlitzer), Francesco Poeti (chitarre) e Luca Alemanno (basso-contrabbasso). Contiene sette tracce originali dedicate alla salvaguardia del nostro prezioso ma bistrattato pianeta Terra.

In the Park di Marco Boccia Trio Jazz


Il trio proposto da Marco Boccia rappresenta il nuovo progetto discografico del contrabbassista barese dal titolo “In The Park” uscito il 10 fennraio 2017 per l’etichetta romana Alfa Music che vede la collaborazione di due tra i musicisti più rappresentativi della scena locale e nazionale: Marino Cordasco al piano e Gianlivio Liberti alla batteria.
I contenuti di questo nuovo piano trio si muovono attraverso sonorità di un Jazz metropolitano caratterizzato da groove solidi, temi semplici e strutturati dove spicca il talento creativo di ognuno dei musicisti impegnati verso un mood di immediato impatto sonoro.

Chromos di Domenico Cartago


“Chromos” è il mio secondo lavoro discografico uscito il 24 marzo per Auand records. Racchiude 9 brani di mia composizione (7 su disco fisico). È un disco che chiude un periodo della mia vita, in cui sono stato influenzato da ascolti lontani dal jazz. L’idea principale era quella comporre musiche che fossero una sorta di colonna sonora in grado di mostrare i colori e le sfumature della vita. È stato registrato in trio con me al pianoforte, Pippo D’Ambrosio alla batteria e Giorgio Vendola al Contrabbasso. Presente un unico brano con la voce e testo di Elisabetta Pasquale.

New Life Growes di Luca Cacucciolo

La leggerezza non è sinonimo di superficialità, né, in musica, di mancanza di spessore. La leggerezza è la sensazione che si respira, simile a una brezza, in tutto questo lavoro. Gli ingredienti della musica afro-americana sono ben rappresentati in “New Life Grows”, un’operazione in cui i componenti del quartetto dimostrano di aver studiato e approfondito il lessico del jazz e di quello che gli ruota attorno. Comunque la si voglia etichettare questa è una musica che viene immediatamente riconosciuta. Una riconoscibilità che semmai tradisce ascolti ripetuti dei grandi classici, quelli incisi dai giganti del jazz.

Cinema – Vol 1 di Balducci Maurogiovanni

Il disco è un singolare omaggio di due bassisti elettrici e acustici al mondo del cinema. Il titolo stesso dell’album trae ispirazione dalle trilogie cinematografiche. I due hanno scelto per passione alcune colonne sonore cinematografiche, firmate da autorevoli compositori, come Piero Piccioni, Michel Colombier, Ennio Morricone, John Williams e tanti altri ancora, interpretandole con la visuale dell’improvvisazione, dell’interplay e del dialogo. Cinema vol 1 ospita anche due brani originali firmati da Balducci e Maurogiovanni. Esiste una profonda e reciproca stima tra i due, ‘fratelli di basso’, musicisti prima che strumentisti. Ciò rende lieve, naturale, leggero, l’incontro tra due strumenti che, solitamente, insieme non convivono.

MPB! – Paola Arnesano, Vince Abbracciante

Una celebrazione della musica popolare brasiliana dall’inizio del XX secolo ad oggi: MPB! del duo pugliese composto dalla cantante Paola Arnesano e dal fisarmonicista Vince Abbracciante. “Antônio Carlos Jobim diceva che “la tristezza e la nostalgia hanno la stessa dignità della felicità, perché condividono la stessa bellezza”. La musica popolare brasiliana (o MPB) dall’inizio del XX secolo ad oggi è intrisa di questi sentimenti e stati d’animo quasi viscerali che ne caratterizzano il popolo: dalla “tristeza” alla “felicitade”, dalla “saudade” (nostalgia) allo “choro” (pianto). Priva di rabbia o voglia di ribellione, racconta più spesso lo struggimento per la terra, la natura, la storia, con grande poesia, uso di luoghi comuni, ironia e molto divertimento. Il canto eclettico di Paola Arnesano si sposa a tutto questo, accompagnato dalla maestria del fisarmonicista Vince Abbracciante, che ricorda la fisarmonica come lo strumento storico della musica popolare brasiliana. Attraverso contaminazioni personali che non alterano la dignità dello stile raccontano “o choro”, “o baiao”, “o samba”, “a bossanova”, da Pixinguinha a Gonzaga, da Sivuca a Gismonti, da Barroso a Buarque.”

IMG_1496.JPG IMG_1482.JPG IMG_1446.JPG IMG_1443.JPG IMG_1463.JPG IMG_1510.JPG IMG_1483.JPG IMG_1465.JPG IMG_1453.JPG IMG_1469.JPG IMG_1501.JPG IMG_1514.JPG IMG_1512.JPG