CONAD: partner del MEDIMEX 201812.04.2018

Importante novità di questa edizione 2018 è la presenza di sponsor privati. Per la prima volta il Medimex allarga la rete di partnership a soggetti privati che hanno deciso di investire nel progetto e nella città di Taranto: partner di Medimex è Conad.

 

Conad sostiene il Medimex che vede nella musica un’occasione per il sud Italia di ripartire, ma è anche l’ennesima iniziativa per la comunità, con una forte valenza perché legata a un territorio disagiato, con problemi sociali e di occupazione innanzitutto. Un sostegno con cui Conad intende individuare e mettere assieme i migliori talenti di queste terre.
Che dal Sud si debba scappare perché ritenuta una terra che non offre prospettive è uno stereotipo abusato, tanto da renderlo sempre meno credibile. Ci sono persone e imprese che si impegnano per non abbandonare al proprio destino le terre del Sud, per percorrere ogni possibile strada di rinascita e di sviluppo prendendosi a cuore nuove idee e nuove culture.
Nasce su tali basi il sostegno di Conad a Medimax che, pure nella sua unicità, porta valore alla città di Taranto – sono 9 le location individuate nel territorio urbano – e al Sud in generale assicurando una buona visibilità mediatica e potendo raggiungere un numero elevato di persone quanto competenti.

«Il Sud non può continuare ad essere sinonimo di rassegnazione, di rinuncia», sottolinea il direttore customer marketing e comunicazione di Conad Giuseppe Zuliani. «La sua crescita serve al Paese, ai nostri giovani, alle nostre imprese, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni che sono la ricchezza e l’anima dell’Italia, nel campo della musica non meno che in quello alimentare. Conad, coerente con il proprio impegno per la comunità e i giovani in particolare, sostiene questa iniziativa e auspica che possa essere un passo verso il generale rilancio di tutte le regioni del Sud. Rilancio a cui oggi collaborano l’ingegno e l’inventiva di quei giovani che nella musica cercano una rivalsa sociale e una prospettiva professionale».